Corso di alta formazione per mediatori immobiliari

Data: 
Lunedì, 31 Maggio, 2021
Locandina

Si è concluso oggi, 28 maggio 2021, il Corso universitario realizzato da Fimaa Varese, in collaborazione con Fimaa Como,
dedicato agli operatori del settore immobiliare.

 

La consegna degli attestati all’Università dell’Insubria corona
un percorso che fa scuola in tutta Italia.

Presenti il sindaco di Varese Galimberti e il presidente della Camera di Commercio di Varese Lunghi.

 

Il presidente Fima Varese Taverna: «Miglioriamo la nostra professionalità per un servizio di altissimo livello a vantaggio dei clienti».

Il presidente Fimaa Como Bargolini«La formazione è la chiave per affrontare le sfide che ogni giorno ci pone il mercato».

 

 

VARESE:  sono 25 i diplomi consegnati oggi al termine del  “Corso di alta formazione per mediatori immobiliari”, concepito e realizzato da Fimaa Confcommercio Varese, insieme all’Università degli studi dell’Insubria di Varese (Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate) e giunto alla sua terza edizione. Quest’anno, per la prima volta,  hanno partecipato, e si sono diplomati, 12 agenti immobiliari comaschi, iscritti a Fimaa Como.

Partito nel 2019 con l’etichetta della grande novità a livello nazionale, e proseguito nel 2020, il corso è stato quest’anno allargato agli agenti immobiliari di Como, oggi rappresentati dal presidente della Fimaa lariana, Mirko Bargolini. Grande la soddisfazione dei partecipanti, nonostante la pandemia con il conseguente svolgimento delle lezioni in modalità online. Il Corso all’Insubria continua perciò a confermarsi un unicum a livello nazionale e un esempio da seguire per molte Fimaa provinciali e regionali.

Taverna: «Merito di voi operatori»

La cerimonia della consegna dei diplomi ha avuto luogo all’Università dell’Insubria. Presenti, distanziati tra loro e con la mascherina “d’ordinanza”, i 25 corsisti che hanno terminato con successo il ciclo di lezioni. A fare gli onori di casa, il presidente nazionale e provinciale di Fimaa Confcommercio, Santino Taverna che, ancora una volta, ha voluto rimarcare il ruolo fondamentale degli operatori: «Non mi stancherò mai di dire che se questo corso esiste è solo merito vostro. Della vostra voglia dopo tanti anni di professione di rimettervi in gioco, di continuare ad aggiornarvi per offrire ai clienti il miglior servizio possibile».

Bargolini “nell’unione la nostra forza”

E’ la sintesi con cui Miko Bargolini, presidente di Fimaa Como, ha rappresentato la piena soddisfazione per la riuscita di questa iniziativa, <<con la quale è stato possibile offrire ai nostri associati un corso di formazione altamente qualificante ed unico nel suo genere, capace di fornire nuovi strumenti e competenze per formare operatori dell’immobiliare sempre più professionali e preparati>>.  Un ringraziamento sentito è stato poi rivolto a Fimaa Varese e a Confcommercio Varese, e alla loro struttura organizzativa.

Materie “vecchie e nuove”

E a proposito di aggiornamenti, anche i docenti hanno dovuto in questi mesi adattare i contenuti delle lezioni al periodo che stiamo vivendo e che ha trasformato anche il modo di lavorare degli agenti immobiliari. Lo stesso Taverna, salito in cattedra di persona per un seminario di tre ore, si è soffermato sulle mutate esigenze dei clienti a causa della pandemia e sull’obbligo da parte dei venditori di proporsi in modo differente: «E’ venuto meno il contatto diretto e ci siamo adattati a un utilizzo più puntuale e allargato dei sistemi digitali. I risultati sono arrivati e arriveranno, se è vero come è vero che il mercato nel secondo semestre del 2021 riprenderà decisamente e che nel 2022 e 2023 viaggerà a ritmo spedito in tutta Europa e soprattutto in Italia, dove il 60% della ricchezza è investito negli immobili». Altro argomento trattato dal presidente è stato il Superbonus 110%, «una grande opportunità che dobbiamo essere bravi a sfruttare».

Per il resto, come accaduto nei primi due anni del Corso, durante le lezioni sono stati toccati, analizzati e approfonditi i più svariati temi, utili a completare il bagaglio professionale da mettere al servizio dell’utente-cliente. Le “materie di studio” hanno riguardato l’urbanistica con focus sui Piani di governo del territorio; le valutazioni, le stime e le perizie immobiliari; le tassazioni dirette e indirette; le strategie di comunicazione e di marketing immobiliare; le tecniche di acquisizione e di vendita; preliminari e contratti immobiliari; il mercato smart del real estate.

Minazzi: «Felice osmosi»

Così Fabio Minazzi (professore ordinario di Filosofia della scienza e direttore del Corso): «Oggi si è conclusa la terza edizione della scuola di alta formazione per agenti immobiliari. Questo percorso formativo è nato dalla collaborazione diretta della Fimaa con il Dipartimento delle Scienze Teoriche Applicate e il Centro Internazionale Insubrico dell’Università degli studi dell’Insubria. Si tratta di una iniziativa che ha preso il la da una felice osmosi tra l’ambito della ricerca universitaria e la formazione in itinere di una professione come quella del mediatore immobiliare».

Sindaco e presidente della Camera di Commercio

Presenti alla cerimonia di oggi, oltre a Taverna e al vicepresidente provinciale di Fimaa e vera “anima” del Corso di alta formazione Dino Vanetti,  il segretario generale di Confcommercio Varese Sergio Bellani e il vicepresidente di Confcommercio Varese Rudy Collini. Graditissimi ospiti il sindaco di Varese Davide Galimberti, il presidente della Camera di Commercio di Varese Fabio Lunghi e il professor Mauro Ferrari (direttore del Dipartimento di Scienze Teoriche Applicate), cui è stata consegnata una targa come ringraziamento per la fondamentale collaborazione nella organizzazione del Corso.

Da tutti loro sono arrivati attestati di stima e il riconoscimento dell’importanza di un continuo aggiornamento per una categoria fondamentale per l’economia delle due  province. Un ulteriore stimolo per Fimaa Varese e Fimaa Como ad iniziare a pianificare la quarta edizione del Corso: la nuova sfida è già partita.